DIME

DIME

DIME

IL "QUOTIDIANO" DI CRISTINA VIGGÈ

IL "QUOTIDIANO" DI CRISTINA VIGGÈ

IL "QUOTIDIANO" DI CRISTINA VIGGÈ

Bresaola sì, ma col twist

Bresaola sì, ma col twist

La Tonica, la Sbagliata, la Montanara e la Tartufata. Quattro bresaole d’autore, prodotte dallo storico Salumificio Panzeri, ma firmate dallo chef Claudio Sadler. Della serie, quando la tradizione sa farsi giovane

La Tonica, la Sbagliata, la Montanara e la Tartufata. Quattro bresaole d’autore, prodotte dallo storico Salumificio Panzeri, ma firmate dallo chef Claudio Sadler. Della serie, quando la tradizione sa farsi giovane

La Tonica, la Sbagliata, la Montanara e la Tartufata. Quattro bresaole d’autore, prodotte dallo storico Salumificio Panzeri, ma firmate dallo chef Claudio Sadler. Della serie, quando la tradizione sa farsi giovane


 
FUORI L'ULTIMA
FUORI L'ULTIMA

Il riso che sussurra ai caprioli

Alla scoperta della Riserva San Massimo. Nel cuore del Parco Lombardo della Valle del Ticino. Dove i chicchi di carnaroli (e non solo) dialogano con la natura, creando un ecosistema perfetto. Inno alla biodiversità

LEGGI DI PIU'

Bresaola sì, ma col twist

La Tonica, la Sbagliata, la Montanara e la Tartufata. Quattro bresaole d’autore, prodotte dallo storico Salumificio Panzeri, ma firmate dallo chef Claudio Sadler. Della serie, quando la tradizione sa farsi giovane

Testi Cristina Viggè

Non potevo certo modificare in toto la ricetta. E allora? Sono intervenuto sulla formula della concia. Seguendo i trend attuali, rispondendo alle esigenze di un mercato più giovane e lasciandomi ispirare dal momento dell’aperitivo”. Una mission ambiziosa e non certo semplice quella dello chef Claudio Sadler: una stella Michelin, presidente dell’associazione Le Soste, recentemente incoronato dal Comune di Milano con un prestigioso riconoscimento quale l’Ambrogino d’Oro, nonché patron dell’insegna che porta il suo cognome e della trattoria moderna Chic’n Quick. Lungo il Naviglio Pavese. Claudio, chiamato a rileggere con la lente d’ingrandimento dell’oggi un prodotto popolare e tradizionale come la bresaola. Ma la sua esperienza e la sua voglia di esplorare lo hanno portato a sperimentare con successo le nuove frontiere di una tipicità valtellinese. 



Ci sono voluti ben due anni per capire. Ho dovuto provare e riprovare, fare e rifare”, confessa il caparbio Sadler. Che, alla fine, è soddisfatto del risultato. E lo è anche Nicolò Panzeri, presidente del salumificio di famiglia, in Valchiavenna. Fondato dal nonno nel lontano 1943 e suddiviso in due siti produttivi: quello storico, a Prosto di Piuro, dove vanno in scena le fasi fondamentali per la realizzazione della bresaola; e un impianto di nuova generazione a Gordona, a soli otto chilometri dal cuore dell’azienda, destinato all’affettatura e al confezionamento in vaschetta. Della serie, l’hardware e il software di una maison in cui convivono anima antica e spirito innovativo.  



Ecco allora un poker di bresaole col twist: spigliate, estroverse, un po’ eccentriche. Indubbiamente diverse. Ma senza mai tradire il loro essere autenticamente artigianali e valtellinesi. Nel senso che il delicato processo di salagione viene rispettato, così come l’iter di asciugatura e stagionatura, che avviene sempre a una temperatura compresa fra i 12 e i 18°C, per un periodo che va dai 28 ai 60 giorni. A seconda delle dimensioni del pezzo di carne. Delle razze bovine più pregiate, quali charolaise, limousine, blonde d’Aquitaine e angus, provenienti da Europa e Sudamerica. Parti utilizzate? I quarti posteriori, da cui si ricavano tagli come la punta d’anca e il magatello. Per un risultato di alta qualità, a elevato contenuto proteico ma a basso tenore calorico. 



Insomma, tutto rimane come prima. Eccetto l’accento messo nella fase della marinatura-speziatura. Un quid in più che regala inedite sfumature di sapore a quattro Bresaole d’Autore. Quattro variazioni sul tema, provocatorie e sorprendenti, morbide e vellutate. Quasi in linea con il mutare delle stagioni. Perfette da sole, per uno spuntino, ma ideali anche da rileggere in ricette creative. Voilà la Tonica: energica, estiva, vigorosa e frizzante, complici zenzero e Gin Tonic. Che ben si presta anche al pairing. Una bresaola delicata, ideale sulle tartine, insieme a formaggio cremoso, scorza di lime e uova sode sbriciolate. Oppure in un buon risotto. Vedi quello griffato Sadler: con lime, ginepro e gamberi rossi marinati.



Più autunnale, autoritaria, aromatica, piena e complessa è invece la Tartufata, preziosa di tartufi bianco e nero. Una fuoriclasse, da servire con un filo d’olio, limone e robiola fresca, oppure da completare con un’insalata di soncino e champignon tagliati sottili. Anche se Claudio la vede così: in un pancotto con tuorlo d'uovo cotto nel ghiaccio, tartufo nero e broccolo fiolaro. Nel calice? Un vino rosso. E per osare: uno Spritz. 



E visto che sono di origini trentine non potevo non pensare alla montagna”, continua lo chef. Ecco allora la Montanara, ebbra di grappa, pino mugo e anice stellato. Un prodotto dalle nuance balsamiche e silvestri. Piacevolmente invernale. Da accompagnare con succo di mela o Pisco Sour. Mentre il cuoco la aggiunge (a julienne) a ravioli di grano saraceno ripieni di patate, bitto e burro profumato all’aglio e timo. Bietoline a finire il tutto.



Infine c’è lei, la più primaverile di tutte: la Sbagliata. “In genere si usa bagnare la bresaola con il vino. Così ho pensato di sostituirlo col bitter Campari, impreziosito da peperoncino e alloro”, racconta lo chef. Che dà vita a un prodotto volitivo e seducente, perfetto in tandem con il celebre ”Negroni Sbagliato”. Una bresaola lievemente amaricante e dal tono rosso profondo. Buona nei tacos, con corredo di guacamole, ideale se utilizzata per intriganti involtini, cui concorrono insalata di carciofi crudi, caprino, arance e perle di bitter. Involtini “sbagliati”, proposti in carta anche da Chic’n Quick, con carciofi e frittelle di casera.



Ma non finisce qui. In occasione del quarantesimo anniversario di Panino Giusto, lo chef ha messo a punto il “Panino Sbagliato”, in cui la Sbagliata di casa Panzeri sposa una casearia prelibatezza lombarda (a pasta cruda da latte vaccino) come il salva cremasco e un pane moderno, profumato e molto idratato. Realizzato con farina bio italiana e farina di riso Venere. Formaggio cremoso, tapenade homemade di olive verdi e cetriolini e zeste d’arancia a suggellare morsi in equilibrio fra burrosità e sapidità, sofficità e croccantezza. Un cult in limited edition, da ordinare nei locali di tutta Italia. 



Le Bresaole d’Autore sono confezionate in pratiche vaschette da 70 grammi e in tranci sottovuoto da circa un chilo e mezzo. Presenti nella grande distribuzione, si posso assaggiare anche nelle due insegne sadleriane. E per chi volesse assaporare la tradizione in declinazione integrale? Panzeri continua a preparare la bresaola della Valtellina igp punta d’anca (anche in versione naturale, avvolta nella rete); le bresaole di angus e di magatello, la bresaola Maloja (particolarmente magra, perché ricavata dalla coscia bovina) e la Brisaola. Una vera specialità, figlia di un’accurata salagione-lavorazione a mano, che prevede anche erbe alpine e vino delle Terrazze Retiche. 



Foto ritratto di Claudio Sadler by Paolo Picciotto


 

FUORI IL PROSSIMO
Iscriviti alla Newsletter e ricevi per primo le novità.

FUORI IL ROSPO !

Commenta questo articolo e pubblica su Facebook

Print Friendly and PDF

FUORIDIME

Anteprima live di FUORIMAGAZINE curata da Cristina Viggè
FUORI è iscritto nel Registro della Stampa di Milano con il n. 160 dell’ 11 maggio 2017.

FUORIMAGAZINE® è un marchio registrato di proprietà di Petra srl.
I testi sono di Cristina Viggè quando non diversamente specificato.
Le immagini ed i video sono degli autori di volta in volta citati quando non liberamente disponibili in internet per la pubblicazione e/o divulgazione.

Privacy Policy