DIME

DIME

DIME

IL "QUOTIDIANO" DI CRISTINA VIGGÈ

IL "QUOTIDIANO" DI CRISTINA VIGGÈ

IL "QUOTIDIANO" DI CRISTINA VIGGÈ

Focacce e cirasci in the garden

Focacce e cirasci in the garden

L’estate si fa gustosa alla Triennale di Milano. Che nello spazio del Caffè in Giardino propone focacce e cirasci dall’anima fragrante. Della serie, quando il riso e la farina svelano il loro lato più solare. 

L’estate si fa gustosa alla Triennale di Milano. Che nello spazio del Caffè in Giardino propone focacce e cirasci dall’anima fragrante. Della serie, quando il riso e la farina svelano il loro lato più solare. 

L’estate si fa gustosa alla Triennale di Milano. Che nello spazio del Caffè in Giardino propone focacce e cirasci dall’anima fragrante. Della serie, quando il riso e la farina svelano il loro lato più solare. 


FUORI L'ULTIMA
FUORI L'ULTIMA

OR… goglio piacentino

A Grintorto di Agazzano, un ristorante capace di unire storia e modernità, finestre sul passato e scale che conducono al futuro. Ecco a voi OR - Cucina d’Arte, guidato di giovanissimi Mauro Brina e Davide Modesti.

LEGGI DI PIU'

Focacce e cirasci in the garden

L’estate si fa gustosa alla Triennale di Milano. Che nello spazio del Caffè in Giardino propone focacce e cirasci dall’anima fragrante. Della serie, quando il riso e la farina svelano il loro lato più solare. 

Testi Cristina Viggè

Un prato verde. I Bagni misteriosi di Giorgio De Chirico, fontana surreale e monumentale. Gli ombrelloni in primo piano e, sullo sfondo, la teoria di maestosi archi progettati dall’architetto Giovanni Muzio. Quasi fossero faraglioni rocciosi. Sì, sembra di essere al mare. Invece si è immersi nella Triennale di Milano. O meglio, nel Caffè in Giardino, ennesima gemmazione del Gruppo Vista. Uno spazio arioso che, a seconda di come lo si guarda, diviene appendice orizzontale della verticale Terrazza Triennale - Osteria con Vista, oppure declinazione en plein air della Triennale Social Pizza. Che in estate se ne va nel green, sfornando focacce. Sempre firmate dal pizzaiolo Cristian Marasco - che ha il suo headquarter a Merate, in Brianza -, in tandem con lo chef Stefano Cerveni, executive chef di tutto il gruppo (oltreché patron del Due Colombe - Ristorante al Borgo Antico, in Franciacorta). 



Focacce dunque. Messe a punto con le farine Petra di Molino Quaglia - la biologica di tipo 1 e la Unica, con la complicità di Cerealè -, lasciate lievitare a lungo, sottoposte a una breve cottura, abbattute e poi rigenerate al momento. Affinché siano soffici e croccanti al punto giusto. Perfette per ospitare ingredienti made in Italy di assoluta qualità. In un vero inno alla mediterraneità. Incarnata nella “Panarea”: antico pomodoro napoletano spadellato - un Presidio Slow Food -, tonno in conserva d’olio extravergine (rigorosamente a filetti interi), misticanza e fiordilatte lombardo, fatto da un casaro con il latte di bruna alpina della Valtellina. Mentre la “Caponata” - giusto per sognare la Sicilia - elegge ricotta di latte vaccino, mentuccia, capperi croccanti e caponata di melanzane. 



E poi? Ci sono la “Strepitosa”, sintesi di Puglia ed Emilia, grazie alla presenza della stracciatella di burrata, del pomodorino ciliegino, della rucola selvatica e del prosciutto di Parma.  



E ancora la “Bufalina”, per chi ama la purezza della mozzarella di bufala campana, condita solo con olio, origano e basilico. 



Mentre la “Suprema”, ci aggiunge l’antico pomodoro napoletano. 



E se per i più piccoli è ideale quella con il prosciutto cotto al naturale e fiordilatte, agli intenditori è dedicata quella con chips di patata viola, erba cipollina e gambero rosso di Sicilia. Rilettura pop di un cult di Cerveni.



Cerveni che propone orgoglioso anche il suo cirasci. Certo, con l’italianissima “c” al posto della nipponica “h”. Tanto l'idea è sempre la stessa, coerente più che mai: avere un contenitore sul quale comunicare il bello e il buono. Del Bel Paese e non solo. “In questo caso uso il riso. Perché il riso è conosciuto in tutto il mondo e può accogliere il mondo”. Voilà Oriente e Occidente, tutto in una ciotola. Carnaroli cucinato nel cuociriso - "apportando le giuste modifiche alle temperature", precisa Sefano - e poi condito con pesce spada marinato homemade, origano, olive e caponatina, per dar vita al cirasci “Mediterraneo”; con pomodorino all’olio e basilico, mozzarella di bufala campana, acciughe e origano, per dar forma a un “Campano” pizza-cirasci; oppure con mazzancolle, ricotta, pesto rosso, basilico e capperi croccanti per dar voce al “Siciliano”. 



Mentre il riso integrale incontra verdure di stagione in oliocottura, uvetta, pinoli ed extravergine allo zenzero; il basmati abbraccia salsa al curry, pollo italiano (allevato a terra), spinacini e champignon, per un cirasci in pieno stile “Indiano”; e il carnaroli dialoga con tonno pinne gialle marinato, avocado, sesamo, cipollotto, alga wakame e salsa di soia, per rendere onore al mood “Hawaiano”. Sempre parlando italiano. "Anzi, magari lo farò pure con zafferano e ossobuco e con la coda alla vaccinara", aggiunge Stefano. 



Settantacinque i coperti all'ombra del porticato in legno, a cui si vanno ad aggiungere i quaranta posti del tavolone social. Per mangiare con i piedi (quasi) nell’erba. Dalle 12 alle 15, dal lunedì al venerdì, e fino alle 15.30 nel weekend. In un ambiente smart e informale in cui non manca il tocco cordiale dell’attento Vito Perri. Che tutto osserva e tutto fa. Come del resto il dinamico Francesco Dell’Olio, braccio armato di Marasco in Triennale. Mentre è Stefano Casati del Laboratorio di Pasticceria a Vista a firmare i dessert: dal tiramisù al caffè d’orzo fino alla tartelletta con crema di mandorle, vaniglia e frutta fresca. 



E dalle 18 alle 21.30? Aperitivo. Con un calice di Prosecco Superiore di Valdobbiadene Jeio by Bisol 1542, entrato a far parte del Gruppo Lunelli. Che qui porta pure i Trentodoc Ferrari: Maximum in versione Brut e Rosé, nonché il Perlé, ossia l’eleganza e l’armonia dello chardonnay. In alternativa: un buon cocktail, da pescare anche dalla lista dei "Garden Gin Tonic", fra i quali spicca quello preparato con Gin Mare e Schweppes Ginger & Cardamom. In accompagnamento: un trancio di focaccia, un assaggio di italian cirasci e un trittico di dry snack che inanella olive, arachidi e pane carasau fritto. 



Cambio di registro alla Triennale Social Pizza. Che a pranzo propone una serie di delizie summer edition. Per chi non vuole rinunciare a una pizza leggera e digeribile. Realizzata con le farine Petra (Petra 3, Unica e bio 1111) e con ingredienti d’eccezione. Da provare? La “Marinara ai Quattro Pomodori”, che fa poker con San Marzano, antico napoletano, di Pachino e del piennolo del Vesuvio; la “Carpaccio di Fassona", per chi adora la carne; e la “Pescatore”, con seppie, ciuffi di calamaro, code di calamari e cozze. Per mangiare il mare.  



 

FUORI IL PROSSIMO
Iscriviti alla Newsletter e ricevi per primo le novità.

FUORI IL ROSPO !

Commenta questo articolo e pubblica su Facebook

FUORIDIME

Anteprima live di FUORIMAGAZINE curata da Cristina Viggè
FUORI è iscritto nel Registro della Stampa di Milano con il n. 160 dell’ 11 maggio 2017.

FUORIMAGAZINE® è un marchio registrato di proprietà di Petra srl.
I testi sono di Cristina Viggè quando non diversamente specificato.
Le immagini ed i video sono degli autori di volta in volta citati quando non liberamente disponibili in internet per la pubblicazione e/o divulgazione.

Privacy Policy