DIME

DIME

DIME

IL "QUOTIDIANO" DI CRISTINA VIGGÈ

IL "QUOTIDIANO" DI CRISTINA VIGGÈ

IL "QUOTIDIANO" DI CRISTINA VIGGÈ

Il Best in Sicily di Friedrich Schmuck

Il Best in Sicily di Friedrich Schmuck

La “Migliore Pizzeria” siciliana del 2018? È Piano B di Siracusa. Al timone: Friedrich Schmuck, premiato al Teatro Massimo di Palermo in occasione dell’undicesima edizione di un’iniziativa che dà voce all’eccellenza. 

La “Migliore Pizzeria” siciliana del 2018? È Piano B di Siracusa. Al timone: Friedrich Schmuck, premiato al Teatro Massimo di Palermo in occasione dell’undicesima edizione di un’iniziativa che dà voce all’eccellenza. 

La “Migliore Pizzeria” siciliana del 2018? È Piano B di Siracusa. Al timone: Friedrich Schmuck, premiato al Teatro Massimo di Palermo in occasione dell’undicesima edizione di un’iniziativa che dà voce all’eccellenza. 


 
FUORI L'ULTIMA
FUORI L'ULTIMA

Quei solari francesi d’Alsazia

Oltre tredicimila i fan italiani della pagina facebook AlsaceWinesOfficial. Seicentomila le bottiglie esportate ogni anno nel nostro Bel Paese. Che ama i nettari del giardino d’Oltralpe. Perché eclettici, dinamici e pronti a dialogare piacevolmente con la cucina mediterranea. E non solo

LEGGI DI PIU'

Il Best in Sicily di Friedrich Schmuck

La “Migliore Pizzeria” siciliana del 2018? È Piano B di Siracusa. Al timone: Friedrich Schmuck, premiato al Teatro Massimo di Palermo in occasione dell’undicesima edizione di un’iniziativa che dà voce all’eccellenza. 

Testi Cristina Viggè

In realtà non mi sento il migliore. E non mi importa esserlo. Questo riconoscimento è solo il coronamento di tanto lavoro e di tanti sacrifici”, dichiara Friedrich Schmuck, uno dei premiati all’undicesima edizione di Best in Sicily, iniziativa firmata da cronachedigusto.it e andata in scena al Teatro Massimo di Palermo, Capitale Italiana della Cultura 2018. 


E cultura della qualità, nei settori dell’agricoltura, dell’artigianalità, dell’ospitalità e dell’enogastronomia, vuole fare questa manifestazione. Che punta i riflettori sul meglio della Trinacria, onorando le quattro “o”: quelle dell’onestà intellettuale, dell’ottimismo, dell’orgoglio e dell’ostinazione. Perché bisogna essere testardi e caparbi per raggiungere determinati traguardi. “Questa è la festa dell’autostima e dell’eccellenza. Capace di valorizzare i nostri aspetti positivi. Rendendo omaggio anche alla convivenza del diverso”, commenta sul palco Leoluca Orlando, sindaco di Palermo.


Un riconoscimento importante per Friedrich Schmuck e per il suo Piano B di Siracusa, a ridosso dell’Isola di Ortigia. “L’abbiamo chiamato così perché avevamo in mente un altro progetto. In un’altra location. Questo era il nostro ‘piano b’, che invece si è concretizzato. Da qui la decisione di mantenerne il nome”, spiega Friedrich. Nato a Roma l’11 luglio 1978 da papà originario di Bressanone e da mamma messinese. Poi? Un’infanzia nella Città Eterna e il trasferimento nella bella Siracusa. Dove otto anni fa apre il suo Piano B, all’interno di un palazzo di inizi Novecento.  



Un vero melting pot di culture Friedrich: che ha nome e cognome tirolesizzanti, un palese accento capitolino e un amore sconfinato per la terra siciliana. Dove è un vero profeta in patria. Soprattutto ora che è stato incluso nel gotha gastronomico isolano. E la spiegazione è chiara: “Una magnifica interpretazione di impasti e lievitazioni che coniuga altissima qualità, ricerca e sapienza. Il risultato è una goduria di tutti i sensi”. Così recita la motivazione annessa al premio. Consegnato sul palcoscenico direttamente da Antonio D’Agostino, fondatore di D’Agó Eccelsi Cibi - realtà che seleziona e commercializza prodotti d’alta gamma per le pizzerie e per l’alta ristorazione - nonché distributore esclusivo per la Sicilia di Molino Quaglia. L’estense molino dove mister Schmuck ha frequentato l’Università della Pizza, per poi divenire un Petra Selected Partner e tradurre gli insegnamenti in una serie di impasti colti e di farciture interessanti.



Ecco allora la pizza classica - messa a punto con Petra 1 - sia sottile e croccante sia col cornicione alto; e la pizza in pala, realizzata con Petra 1 e Petra 9, la “tuttograno” italiano e macinato a pietra della maison estense. Una farina integrale dal gusto unico, che va pure a nutrire la pizza in padellino. A completare la gamma? La pizza a fermentazione spontanea (senza utilizzo di lievito) e quella che prevede una base di farro. “La proponiamo il mercoledì”, aggiunge Friedrich. In modo tale da valorizzare un impasto speciale. 



E al topping? Tanti prodotti dop, igp e tutelati come Presidio Slow Food. Della Sicilia. Ma non solo. Basta assaggiare la pizza da degustazione per inanellare il meglio della terra e del mare: pomodoro siciliano di Casa Morana (di Scicli), acciughe del Cantabrico, burrata pugliese e origano siciliano; tartare di bovino, foglia di cappero fritta, oliva taggiasca e maionese di capperi di Salina; fiordilatte del Ragusano, biete ripassate con scorza di limone siracusano, canestrato di Castronovo di Sicilia e mandorla di Noto; vastedda della Valle del Belice, bottarga di tonno e carciofi spadellati. Che tornano, con crema di patate e baccalà, a ricordare la romanità di Schmuck. 



E il territorio sudtirolese? Non è certo dimenticato. “Mi sento molto legato all’Alto Adige. Mio padre mi portava sempre in vacanza con mia sorella Heidi”, ricorda il pizza chef. Che prepara un impasto speziato e terragno, a base di farro, Petra 9, cumino, finocchietto, dragoncello e coriandolo. Mentre la farcitura elegge speck, formaggio d’alpeggio in cottura - affinché si sciolga - e graukäse a crudo. Un inchino isolano alle Dolomiti. Tanto, la solare Sicilia riemerge: nel guanciale di suino dei Nebrodi sulla pizza, nel sesamo di Ispica sopra il pane e nella ricotta vaccina dentro il cannolo creato da mamma Fiora, la pasticceria di famiglia. 



Nel bicchiere invece finiscono birre artigianali. Non a caso il claim dell’insegna recita: “casual food e craft beer". E in carta ci sono anche le localissime Alveria e Malarazza di Siracusa; Tarì di Modica e Paul-Bricius di Vittoria. A raccontare la parte più spumeggiante della Sicilia. 



I "Migliori" in Sicilia


Undici le categorie premiate al Teatro Massimo. Più un premio speciale, consegnato a Luca Del Bono, “Ambasciatore del Gusto” a Londra. Dove ha fondato un club esclusivo: il South Kensington, dov’è possibile nuotare in una piscina dalle acque siciliane. Prelevate direttamente dal mare delle Eolie. E poi? il “Miglior Produttore di Vino” è Salvatore Geraci dell’Azienda Agricola Palari (Messina); il “Miglior Produttore di Olio” è Gianfranco Tuoro di Sciàvuru d’Aliva (a Castelvetrano); il “Miglior produttore di Formaggio” è Pietro Di Venti, con il suo piacentinu ennese; il “Miglior Birrificio” è il ragusano Yblon; e la “Migliore Azienda Conserviera” è Auriga - Nino Castiglione di Erice. E ancora, la “Migliore Pasticceria” è l’Antico Caffè Spinnato dal 1860 di Palermo; la “Migliore Trattoria” è la Corona, sempre nel capoluogo; il “Migliore Ristorante” è quello dello Zash di Riposto, con lo chef Giuseppe Raciti; il “Miglior Hotel” è il Quartara di Panarea, da poco entrato a far parte de Les Collectionneurs; e il “Miglior Comune per l’Enogastronomia” è Noto. In equilibrio fra dinamismo, bellezza e Barocco. 




Foto della premiazione by Vincenzo Ganci e Igor Petyx
Foto di Friedrich Schmuck by Carlo Baroni


 

FUORI IL PROSSIMO
Iscriviti alla Newsletter e ricevi per primo le novità.

FUORI IL ROSPO !

Commenta questo articolo e pubblica su Facebook

Print Friendly and PDF

FUORIDIME

Anteprima live di FUORIMAGAZINE curata da Cristina Viggè
FUORI è iscritto nel Registro della Stampa di Milano con il n. 160 dell’ 11 maggio 2017.

FUORIMAGAZINE® è un marchio registrato di proprietà di Petra srl.
I testi sono di Cristina Viggè quando non diversamente specificato.
Le immagini ed i video sono degli autori di volta in volta citati quando non liberamente disponibili in internet per la pubblicazione e/o divulgazione.

Privacy Policy