DIME

DIME

DIME

IL "QUOTIDIANO" DI CRISTINA VIGGÈ

IL "QUOTIDIANO" DI CRISTINA VIGGÈ

IL "QUOTIDIANO" DI CRISTINA VIGGÈ

Il panettone conquista l’ora del cocktail

Il panettone conquista l’ora del cocktail

La storica maison Vergani rompe sempre più regole, cliché e stereotipi. Servendo il panettone per l’aperitivo. Come? Riletto in chiave vintage e gourmand. Per chi ama onorar la tradizione anche all’ora del drink. 

La storica maison Vergani rompe sempre più regole, cliché e stereotipi. Servendo il panettone per l’aperitivo. Come? Riletto in chiave vintage e gourmand. Per chi ama onorar la tradizione anche all’ora del drink. 

La storica maison Vergani rompe sempre più regole, cliché e stereotipi. Servendo il panettone per l’aperitivo. Come? Riletto in chiave vintage e gourmand. Per chi ama onorar la tradizione anche all’ora del drink. 


 
FUORI L'ULTIMA
FUORI L'ULTIMA

Rose Salò: l’energia delle erbe

Nella cittadina gardesana, un ristorante capeggiato da due chef under trenta: Andrea De Carli e Marco Cozza. Appassionati di botaniche. Ma non si pensi al gin. Qui la cucina è la vera protagonista. Verde. Senza essere vegetariana. Lacustre. Lasciandosi solo sfiorare dall’acqua

LEGGI DI PIU'

Il panettone conquista l’ora del cocktail

La storica maison Vergani rompe sempre più regole, cliché e stereotipi. Servendo il panettone per l’aperitivo. Come? Riletto in chiave vintage e gourmand. Per chi ama onorar la tradizione anche all’ora del drink. 

Testi Cristina Viggè

Dress code? Casual. Un po’ dolce. Un po’ salato. L’aperitivo meneghino corre sul filo dei sapori della tradizione. E sfiora pure il tram. Il 24 per la precisione, che scorrazza a pochi passi dal salottiero dehors (tutto vetro, calma e relax) della Vergani boutique di corso di Porta Romana. Un spazio urbano e panoramico, ad hoc per gustare un prequel della cena a tu per tu con una proposta che strizza l’occhio al panettone. Riletto in versione finger food very cool. Mini assaggi sfiziosi, presentati su un nero vassoio d’ardesia, pronti - ciascuno a proprio modo - a tratteggiare e a ricordare i profili del goloso emblema della città. Voilà il pane guttiau (carasau condito con olio, sale e rosmarino); le olive marinate in agrodolce con scorze di limone e arancia (a far pensare ai canditi), extravergine e pepe rosa; le mandorle tostate al forno con mais e curry (omaggio speziato alla colomba); e la stracciatella di burrata con chutney di frutta e uvetta, a rammentare quella (rigorosamente australiana) usata nel panettone. Che ovviamente emerge protagonista sotto forma di crostini, al top della vellutata di piselli; nonché di sottili rettangoli tostati. “Così perde un po’ del suo carattere dolce per divenire più facilmente abbinabile. In un contrasto che regala ancor più un senso di pienezza”, spiega Stefano Vergani, nipote di quell’Angelo che, nel lontano 1944, sfidò i tempi aprendo un piccolo laboratorio di pasticceria in viale Monza. Per trasferirsi di lì a poco (nel ’49) in zona Gorla, dove tutt’oggi ha sede l’azienda. 


Ne sono stati messi canditi negli impasti - figli del lievito madre e nutriti con miele d’acacia toscano e vaniglia bourbon del Madagascar. Il panettone ha perso la sua esclusiva e limitante valenza festosa. Ed è consumato tutto l’anno. “Anzi, addirittura nel corso di tutta la giornata”, continua Stefano. Visto che nella bottega-caffetteria Vergani, a pochi metri dal Teatro Carcano, lo servono anche a fette (perfette a colazione e a merenda); in versione calda, con gelato al latte e sale di Maldon; e ora pure in declinazione aperitif gourmand. In tandem con un analcolico, una birra Baladin (Isaac, Wayan e Nazionale) o con un calice di vino, spumante o Champagne (a 8 euro); in duetto con nettari selezionati (a 12 euro); e ancora, in compagnia di signature cocktail dall’aura vintage (a 10 euro). Vedi il “Vergani 1944”, mix di vodka, Galliano, triple sec, succo di lime e guarnizione di arancia candita; “El Ghisa” (per chi non fosse indigeno: il vigile urbano), summa di Cynar, ginger ale, pompelmo rosa e cetriolo; il “Bauscia”, a base di Fernet Branca, lime , zenzero e ginger beer; il “San Babila”, concerto di Punto & Mes, Campari, China Martini e scorzette d’arancia e limone; il “Porta Romana”, sintesi di Rabarbaro Zucca, arancia, soda e menta fresca; e “Un Americano a Milano”, dedica a bitter, Carpano, ginger ale e scorzette di limone.    


Me non finisce qui. E se si avesse ancora fame si potrebbero ordinare toast e sandwich. Non certo preparati a caso, bensì con il panettone gastronomico. Cui concorrono salmone, formaggio, rafano e insalata; salame, burro, scorza di limone e carciofi; gorgonzola e pere sciroppate. 


L’aperitivo è proposto dal lunedì al sabato dalle 17.30 alle 20.30; la domenica, dalle 17.30 alle 19. Per momenti metropolitani dal respiro meneghino.


 

FUORI IL PROSSIMO
Iscriviti alla Newsletter e ricevi per primo le novità.

FUORI IL ROSPO !

Commenta questo articolo e pubblica su Facebook

Print Friendly and PDF

FUORIDIME

Anteprima live di FUORIMAGAZINE curata da Cristina Viggè
FUORI è iscritto nel Registro della Stampa di Milano con il n. 160 dell’ 11 maggio 2017.

FUORIMAGAZINE® è un marchio registrato di proprietà di Petra srl.
I testi sono di Cristina Viggè quando non diversamente specificato.
Le immagini ed i video sono degli autori di volta in volta citati quando non liberamente disponibili in internet per la pubblicazione e/o divulgazione.

Privacy Policy