DIME

DIME

DIME

IL "QUOTIDIANO" DI CRISTINA VIGGÈ

IL "QUOTIDIANO" DI CRISTINA VIGGÈ

IL "QUOTIDIANO" DI CRISTINA VIGGÈ

In masseria, la primavera è green

In masseria, la primavera è green

Alla scoperta della cucina genuina, sana e vegetariana della Masseria Le Carrube, vicino a Ostuni. Dove lo chef Massimo Santoro elegge ortaggi e formaggi ad attori di piatti dallo spirito sostenibile. 

Alla scoperta della cucina genuina, sana e vegetariana della Masseria Le Carrube, vicino a Ostuni. Dove lo chef Massimo Santoro elegge ortaggi e formaggi ad attori di piatti dallo spirito sostenibile. 

Alla scoperta della cucina genuina, sana e vegetariana della Masseria Le Carrube, vicino a Ostuni. Dove lo chef Massimo Santoro elegge ortaggi e formaggi ad attori di piatti dallo spirito sostenibile. 


 
FUORI L'ULTIMA
FUORI L'ULTIMA

Pizza, birra e cucina: intrecci Bizzarri

Il triangolo sì, lei lo ha considerato. E lo ha pure disegnato. Così Birra del Borgo fa di nuovo centro col format “Chef Bizzarri”. Puntando i riflettori sulle infinite evoluzioni delle culinarie contaminazioni

LEGGI DI PIU'

In masseria, la primavera è green

Alla scoperta della cucina genuina, sana e vegetariana della Masseria Le Carrube, vicino a Ostuni. Dove lo chef Massimo Santoro elegge ortaggi e formaggi ad attori di piatti dallo spirito sostenibile. 

Testi Cristina Viggè

“Della zucchina? Non si butta via niente, naturalmente. Al pari della melanzana”, precisa Massimo Santoro. Che degli ortaggi utilizza tutto: polpa e pelle. Che fa fritta, come ornamento. E se al limite ci dovesse essere un po’ di scarto non edibile? “Lo si restituisce alla terra, per concimarla”, aggiunge lo chef. Ha le idee chiarissime Massimo: originario di Grottaglie e da quasi un anno alla guida della cucina della Masseria Le Carrube, a soli sei chilometri dalla candida città di Ostuni, in provincia di Brindisi. Un buen retiro nutrito di pietra e di sole, di tetti a coppi e di verde. Tanto verde: quello della macchia mediterranea, degli ulivi, dei carrubi, degli alberi da frutto e dell’orto. Rigorosamente biologico. Con tanto di carciofaia allegata.


Un orto che alimenta e plasma la creatività di mister Santoro. “Cerco di fare una cucina vegetariana sorprendente”, spiega il cuoco. Capace di mettere a punto piatti mai banali, noiosi o scontati. Anzi. Le sue sono pietanze che stupiscono senza disorientare. Nel senso che sanno di Puglia. Il dubbio non sussiste. Ma la Puglia è riletta con la lente d’ingrandimento della contemporaneità. Come? Lavorando con etica su estetica e consistenze. Dopotutto, perché verdure e formaggi dovrebbero essere esenti dal gioco delle texture? “Uso tecniche moderne come l’affumicatura e la bassa temperatura”, spiega Santoro. “E negli impasti non utilizzo più di un uovo ogni quattro persone. Il mio è un percorso di coscienza. Anche se non arrivo a sposare la filosofia vegana. Ritengo che gli estremismi siano sbagliati”, svela lo chef. Che se prepara qualcosa di totalmente vegan è per una semplice consecutio logica del suo cucinare sostenibile.



Ne ha dato prova a Milano, dove è approdato per presentare la sua playlist green: al Mò Puglia Bistrot di Brera, delizioso salottino artigianalmente vocato al tacco d’Italia. Voilà: ’ncapriata di fave, cornaletti, cicoria ripassata in padella e olive fritte; peperoni & burrata; morbido di finocchi; tortino di zucchine e menta; melanzana brasata e crema di pomodoro verde; crespella di ceci e verza brasata. Con l’immancabile caciocavallo a far da complice: in salsa o a scaglie. E ancora, insalata di puntarelle, carciofi, lampascioni e vino cotto; panzarotti ripieni di mozzarella e pomodoro; focacce alle verdure; paccheri farciti di ricotta e cipolla rossa; nonché spaghettoni cotti nel Primitivo con purea di cime di rapa e taralli.



E per dessert: torta di carrube e chantilly ai fichi. Un saggio di Puglia. Senza compromessi. Annessi i vini biodinamici del Gargano griffati Valentina Passalacqua. Che nella foggiana Apricena fa di biodiversità virtù. Incarnata nel “Terra Minuta”, delicato e profumato figlio di fiano minutolo e greco; e nel “Terra Sasso”, minerale summa di negroamaro e primitivo. L’autenticità nel calice. 



Anche la nostra carta privilegia etichette biologiche. In primis del territorio”, continua Massimo. Che accoglie gli ospiti a cena (su prenotazione) nella suggestiva “sala macina” o nella più riservata “sala mangiatoia”. Proponendo un menu degustazione. “Sì, non ho una carta. Così non vi è spreco alcuno”, dice orgoglioso lo chef. Che serve un tagliere di benvenuto con focacce e panzerotti; un poker di antipasti condivisi (monoporzioni presentate su un vassoio al centro tavola); un duetto di primi; frutta e dolci in finger food. “Il secondo? Può prevedere un uovo oppure un assaggio di formaggi”. Un menu live, che pesca dall’orto di casa o da piccoli produttori della zona. Mentre la domenica, dalle 12 alle 16, va in scena il brunch. Sempre super green.



Un luogo puro e immacolato la Masseria Le Carrube. Visto anche il biancore abbagliante che lo caratterizza. Uno spazio di rigenerazione, dove respirare il senso slow del silenzio. E dove poter soggiornare in dodici camere e sette suite intrise di fascino, storia e tessuti grezzi. Senza dimenticare la possibilità di usufruire - a tariffe agevolate - del golf e della spa-talasso della Masseria San Domenico di Savelletri di Fasano, nonché delle tre spiagge di proprietà. La masseria, infatti, è l’ultima nata in famiglia Melpignano, alle redini del gruppo San Domenico Hotels.



E per una brezza di primavera in Puglia, la masseria di Ostuni propone un pacchetto valido fino al 30 maggio: una notte con sistemazione in camera doppia e cena degustazione (bevande escluse) a 220 euro a coppia.  



 

FUORI IL PROSSIMO
Iscriviti alla Newsletter e ricevi per primo le novità.

FUORI IL ROSPO !

Commenta questo articolo e pubblica su Facebook

Print Friendly and PDF

FUORIDIME

Anteprima live di FUORIMAGAZINE curata da Cristina Viggè
FUORI è iscritto nel Registro della Stampa di Milano con il n. 160 dell’ 11 maggio 2017.

FUORIMAGAZINE® è un marchio registrato di proprietà di Petra srl.
I testi sono di Cristina Viggè quando non diversamente specificato.
Le immagini ed i video sono degli autori di volta in volta citati quando non liberamente disponibili in internet per la pubblicazione e/o divulgazione.

Privacy Policy