DIME

DIME

DIME

IL "QUOTIDIANO" DI CRISTINA VIGGÈ

IL "QUOTIDIANO" DI CRISTINA VIGGÈ

IL "QUOTIDIANO" DI CRISTINA VIGGÈ

Keep calm and eat parmigiano

Keep calm and eat parmigiano

Una risto-bottega. Un luogo dove compare ma anche assaggiare. Gusto Parmigiano porta lo spirito emiliano nel cuore di Milano. Proponendo un viaggio intorno al mitico formaggio della Food Valley.

Una risto-bottega. Un luogo dove compare ma anche assaggiare. Gusto Parmigiano porta lo spirito emiliano nel cuore di Milano. Proponendo un viaggio intorno al mitico formaggio della Food Valley.

Una risto-bottega. Un luogo dove compare ma anche assaggiare. Gusto Parmigiano porta lo spirito emiliano nel cuore di Milano. Proponendo un viaggio intorno al mitico formaggio della Food Valley.


 
FUORI L'ULTIMA
FUORI L'ULTIMA

Pizza, birra e cucina: intrecci Bizzarri

Il triangolo sì, lei lo ha considerato. E lo ha pure disegnato. Così Birra del Borgo fa di nuovo centro col format “Chef Bizzarri”. Puntando i riflettori sulle infinite evoluzioni delle culinarie contaminazioni

LEGGI DI PIU'

Keep calm and eat parmigiano

Una risto-bottega. Un luogo dove compare ma anche assaggiare. Gusto Parmigiano porta lo spirito emiliano nel cuore di Milano. Proponendo un viaggio intorno al mitico formaggio della Food Valley.

Testi Cristina Viggè

Non amiamo definirlo in base al numero dei mesi. Preferiamo descriverlo con alcuni aggettivi. Senza rincorse e senza ansie da performance”. Così Federico Fernus racconta la filosofia slow di Gusto Parmigiano, risto-shop meneghino interamente dedicato al parmigiano reggiano. Seguendo il mantra del “buono, sano, emiliano”. E valorizzando al massimo questo formaggio eclettico e versatile: che vanta nove secoli di storia, che viene ancora prodotto secondo l’antica ricetta messa a punto dai monaci benedettini e cistercensi della Pianura Padana, e che narra un territorio scandito da Parma, Modena, Reggio Emilia, Bologna (sinistra Reno) e Mantova (destra Po). Della serie, confini di lavorazione ben precisi ma spirito da globetrotter. 


E così Fernus, un master in Food & Wine alla Bologna Business School, una profonda conoscenza della materia e nelle mani la direzione di questo spazio di ristorazione e vendita in piena via Moscova, adora suddividere il parmigiano in tre tipologie: da pasteggio, maturo e stravecchio. E non solo. Perché lui varia anche a seconda della provenienza. E dell’erba di cui si nutrono le mucche. “Quello di pianura è più stabile nel tempo. Profuma di fieno e di erba medica. Mentre quelli di collina e di montagna sono più soggetti a variazioni. Basti pensare che nelle zone collinari sono state scoperte 63 essenze differenti”, puntualizza l’attento Federico.



E poi? C’è la variante vacca, naturalmente. “La frisona dà un latte perfettamente bilanciato fra sapidità e dolcezza. Quello di bruna alpina è invece aromatico e dal retrogusto quasi tostato. La vacca rossa regala poi un latte grasso, burroso, più concentrato, mentre quello di bianca modenese, razza tutelata come Presidio Slow Food, è elegante e sapido. Ideale per dar forma a un parmigiano esclusivo”, spiega, facendo riferimento al Caseificio Rosola di Zocca. 



Intanto, è anche grazie a una storica realtà quale la Latteria Sociale di Roncadella che Gusto Parmigiano ha preso vita. Un casello particolare, che produce parmigiano dal 1922. “Ed è pure l’unico ad avere una casara: Marisa Verzelloni. Che per capire la temperatura del latte non usa il termometro, ma il braccio”, svela orgoglioso Federico. Che ricorda gli altri partner del progetto risto-bottega: l’Antica Acetaia Dodi di Albinea, con il suo oro noir di famiglia; e il Podere Giardino, vitivinicola azienda bio di Reggio Emilia. Che presenta il suo vivace e dinamico Lambrusco Rosé “Suoli Cataldi”, figlio in purezza di uve lambrusco marani raccolte a mano. Proposto anche al calice, insieme ad altri “cugini”. Vedi il metodo classico “Il Mattaglio" di Cantina della Volta, summa di chardonnay e pinot nero; la Malvasia Colli di Parma doc by Monte delle Vigne, un metodo charmat floreale e fruttato; e “Il Graparossa della Tradizione” by Tenuta Pederzana, maison di Castelvetro.



Autentici nettari emiliani. Ideali per accompagnare l’aperitivo oppure una cenetta smart. Ritmata in due atti. Un tagliere freddo e uno caldo. Sul primo: scaglie di parmigiano, giardiniera di verdure in agrodolce - come quella della Cascina Pizzavacca - e salumi. Anche questi selezionati con cura assoluta: dalla spalla cruda al salame artigianale, dal prosciutto di Parma alla coppa piacentina. Non dimenticando la mortadella: quella classica Presidio Slow Food e la “Simona, più saporita, firmate dalla bolognese Artigianquality.



E sul secondo tagliere? Un ghiotto tris di emilianissimi primi. Tagliatelle con porro alla brace, asparagi, piselli e burro della Latteria Sociale di Roncadella.



Tortelli verdi, ripieni di spinaci, bietole e ricotta delle vacche rosse.



E garganelli del salumiere, con carpaccio di verdure primaverili, parmigiano rapè e ragù di gambuccio. Pescato direttamente dal banco, dove gli affettati, il parmigiano e il suo “quinto quarto” (ossia burro, panna, ricotta, croste e tosone) si possono acquistare e portare a casa. E non solo loro. Perché fra gli scaffali spiccano anche confetture, salse, conserve, sottoli e delizie pensate per costruire un’esperienza intorno al parmigiano. Che non è mai solo.



Anzi, soprattutto a pranzo, diviene protagonista di piatti capaci di stare in equilibrio fra tradizione e creazione. Grazie a un vulcanico chef ambassador come Federico D’Amato, figlio di quel Gianni D’Amato del Rigoletto di Reggiolo, ora al comando del Caffè Arti e Mestieri di Reggio Emilia. E grazie pure alla mano “armata”… di talento del giovane chef resident Lorenzo Degl’Innocenti.



In carta, dunque, l’erbazzone contemporaneo, sofficissimo e avvolto da pasta kataifi; la frittata al parmigiano con le zucchine e il loro fiore; e la tacchinella tonnata con capperi dissalati, insalatina riccia e parmigiano reggiano da pasteggio. Mentre è quello maturo a entrare nella ricetta del “Cheese Parmigiano-Reggiano Burger”, insieme a bietole e ketchup di mela campanina, nonché in quella del filetto di maialino con "parmigiano di melanzane". Sì, non è un refuso, ma una rilettura della parmigiana, in cui la melanzana tonda viene cotta in padella con salsa di pomodoro e abbondante formaggio grattugiato e poi passata al setaccio. Per raggiungere una cremosa texture.   



Il tutto servito in uno spazio informale - la cui genesi architettonica è stata seguita da Diego Cisi dello studio Archiplan di Mantova -,  in cui il legno canaletto delle teche dialoga col marmo bardiglio del banco, fra luci capaci di illuminare discretamente l’ambiente. Corredato di un dehors con una trentina di coperti.



E se la verticale di parmigiano non manca, non manca neppure una cheesecake che lo esalta nel dessert. Mentre la spuma di latte di vacche rosse incontra croccante, fragole e aceto “Riserva di Famiglia” dell’Antica Acetaia Dodi. E per finire? Da una crew così specializzata - che conta pure su Riccardo Toschi, ingegnere gestionale e parmigiano lover - neppure il caffè poteva sfuggire all’emilizzazione. Voilà Torrcaffè, torrefazione di Bibbiano, fiera di tostare i chicchi con legna di quercia nera, unita al faggio bianco delle colline reggiane.



Gusto Parmigiano è aperto il lunedì, dalle 10 alle 19; dal martedì al venerdì, dalle 10 alle 22; e il sabato, dalle 10 alle 20. 



 

FUORI IL PROSSIMO
Iscriviti alla Newsletter e ricevi per primo le novità.

FUORI IL ROSPO !

Commenta questo articolo e pubblica su Facebook

Print Friendly and PDF

FUORIDIME

Anteprima live di FUORIMAGAZINE curata da Cristina Viggè
FUORI è iscritto nel Registro della Stampa di Milano con il n. 160 dell’ 11 maggio 2017.

FUORIMAGAZINE® è un marchio registrato di proprietà di Petra srl.
I testi sono di Cristina Viggè quando non diversamente specificato.
Le immagini ed i video sono degli autori di volta in volta citati quando non liberamente disponibili in internet per la pubblicazione e/o divulgazione.

Privacy Policy