DIME

DIME

DIME

IL "QUOTIDIANO" DI CRISTINA VIGGÈ

IL "QUOTIDIANO" DI CRISTINA VIGGÈ

IL "QUOTIDIANO" DI CRISTINA VIGGÈ

L’era evolutiva della degustazione

L’era evolutiva della degustazione

Venerdì 23 marzo, alla Pergola di Radicondoli, si alza un inno alla terra. Incarnata in una farina, la Petra Evolutiva di Molino Quaglia. Espressa in salumi autentici e ritratta in pizze e piatti dall’anima verace. Firmati da due toscani: il pizza chef Tommaso Vatti e lo chef Adriano Antonelli. 

Venerdì 23 marzo, alla Pergola di Radicondoli, si alza un inno alla terra. Incarnata in una farina, la Petra Evolutiva di Molino Quaglia. Espressa in salumi autentici e ritratta in pizze e piatti dall’anima verace. Firmati da due toscani: il pizza chef Tommaso Vatti e lo chef Adriano Antonelli. 

Venerdì 23 marzo, alla Pergola di Radicondoli, si alza un inno alla terra. Incarnata in una farina, la Petra Evolutiva di Molino Quaglia. Espressa in salumi autentici e ritratta in pizze e piatti dall’anima verace. Firmati da due toscani: il pizza chef Tommaso Vatti e lo chef Adriano Antonelli. 


 
FUORI L'ULTIMA
FUORI L'ULTIMA

A Collisioni è Bread Religion

Musica, cinema, letteratura, paesaggi e assaggi. Fino al 16 luglio, il festival agrirock torna a illuminare Barolo con la sua compilation di concerti, degustazioni e jam session artistiche. E venerdì 5 luglio, in Piazza Rosa, entra in scena Bread Religion. Sotto il segno di Petra

LEGGI DI PIU'

L’era evolutiva della degustazione

Venerdì 23 marzo, alla Pergola di Radicondoli, si alza un inno alla terra. Incarnata in una farina, la Petra Evolutiva di Molino Quaglia. Espressa in salumi autentici e ritratta in pizze e piatti dall’anima verace. Firmati da due toscani: il pizza chef Tommaso Vatti e lo chef Adriano Antonelli. 

Testi Cristina Viggè

È una farina differente. Anche nella fragranza. Ha profumi floreali. E poi mi ricorda il Nord Africa e il Medioriente”, spiega Tommaso Vatti - il patron de La Pergola di Radicondoli, in terra di Siena - riferendosi a Petra Evolutiva. “E poi è performante, si lavora benissimo e regala un’ottima struttura”. Una farina indubbiamente fuori da ogni schema. Capace di farsi ambasciatrice della diversità. Sì, perché lei ha una genesi tutta sua. Visto che è nata da un felice incontro: quello fra il Molino Quaglia di Vighizzolo d’Este e l’associazione Simenza - cumpagnìa siciliana sementi contadine, capitanata dall’agricoltore-custode Giuseppe Li Rosi. Nord e sud uniti in un progetto colto ed evoluto.


Quello che ne risulta è infatti un prodotto figlio di tanti semi. Un miscuglio: costituito in Siria, alimentato da circa duemila varietà - provenienti da Algeria, Giordania, Iran ed Eritrea - e coltivato biologicamente in Sicilia. Una bella storia di migrazione a lieto fine. Di accettazione del diverso. E di perfetto adattamento alla terra. Che poi, insieme al clima, detta le sue regole e i suoi cambiamenti. Di anno in anno. Di raccolto in raccolto. Determinando una naturale selezione delle tipologie più resistenti. Darwin docet. E i contadini conoscono bene la lezione. 



Una farina da scoprire e da valorizzare. Ecco allora una serata di degustazione che la elegge a protagonista. Quando? Venerdì 23 marzo, proprio alla Pergola. Complici? Mani e menti toscane: quelle di Tommaso stesso e dello chef Adriano Antonelli de Il Campaccio senese. In un dialogo costruttivo fra impasti e farciture dallo spirito verace… e anche un po’ audace. 



A far da prologo? Pani e focacce messi a punto con Petra Evolutiva. “Che desideriamo accogliere al meglio, abbinandola ai salumi di cinta senese di un’azienda localissima”, puntualizza Vatti. Che propone per l’occasione prosciutto, soprassata e buristo griffati Renieri di Poggibonsi. Dal sapore energico e vigoroso. Per un benvenuto nel segno dell’assoluta autenticità. 



E poi? “Terra” evolutiva con germogli e radici by Antonelli. Che pensa anche ai topping delle pizze “evolutive” di Vatti: al padellino con carciofi, mozzarella di bufala, salsa barigoule in perle e colatura di alici; in pala con cacao e caffè, farcita con pancetta di maiale, soia, mela e stracchino stagionato; e ancora in pala con estratto di lepre, ricciola e fiordilatte. Mare, campagna e cacciagione in un intreccio fuoriclasse. E per dessert? Cioccolato. Sì, ma quello del Madagascar: in due consistenze, con pepe di Szechuan e profumo di panforte. Perché Siena c’è, ma volge lo sguardo anche oltreconfine. Rimanendo con i piedi ben saldi per terra. 



Nei calici? “Proponiamo i vini che poi entreranno a far parte della wine list della Pergola. Tutti del territorio, ovviamente”, aggiunge mister Vatti. Etichette in degustazione presentate per l’occasione dalla Fisar - Federazione Italiana Sommelier, Albergatori, Ristoratori - delegazione Antica Terra Siena e Valdelsa. Mentre è l’Airo - l’Associazione internazionale ristoranti dell’olio - a pensare agli abbinamenti ad hoc con l’extravergine d’oliva. “Certo, ogni pizza esige il suo olio”, precisa Vatti. “Da noi anche una semplice Margherita ha il suo, per esaltare al massimo il gusto del pomodoro”.



La cena ha inizio alle ore 20 e ha un costo di partecipazione di 30 euro. Vini inclusi.


Foto ritratto di Tommaso Vatti by Carlo Baroni

 

FUORI IL PROSSIMO
Iscriviti alla Newsletter e ricevi per primo le novità.

FUORI IL ROSPO !

Commenta questo articolo e pubblica su Facebook

Print Friendly and PDF

FUORIDIME

Anteprima live di FUORIMAGAZINE curata da Cristina Viggè
FUORI è iscritto nel Registro della Stampa di Milano con il n. 160 dell’ 11 maggio 2017.

FUORIMAGAZINE® è un marchio registrato di proprietà di Petra srl.
I testi sono di Cristina Viggè quando non diversamente specificato.
Le immagini ed i video sono degli autori di volta in volta citati quando non liberamente disponibili in internet per la pubblicazione e/o divulgazione.

Privacy Policy