DIME

DIME

DIME

IL "QUOTIDIANO" DI CRISTINA VIGGÈ

IL "QUOTIDIANO" DI CRISTINA VIGGÈ

IL "QUOTIDIANO" DI CRISTINA VIGGÈ

Olio Officina Festival: l’uomo e l’ulivo

Olio Officina Festival: l’uomo e l’ulivo

Tre giorni. Dedicati all’olio e ai condimenti per il corpo e per la mente. Dall’1 al 3 febbraio, al Palazzo delle Stelline di Milano, torna Olio Officina Festival. Fra laboratori, seminari, assaggi e paesaggi da scoprire. 

Tre giorni. Dedicati all’olio e ai condimenti per il corpo e per la mente. Dall’1 al 3 febbraio, al Palazzo delle Stelline di Milano, torna Olio Officina Festival. Fra laboratori, seminari, assaggi e paesaggi da scoprire. 

Tre giorni. Dedicati all’olio e ai condimenti per il corpo e per la mente. Dall’1 al 3 febbraio, al Palazzo delle Stelline di Milano, torna Olio Officina Festival. Fra laboratori, seminari, assaggi e paesaggi da scoprire. 


 
FUORI L'ULTIMA
FUORI L'ULTIMA

Rose Salò: l’energia delle erbe

Nella cittadina gardesana, un ristorante capeggiato da due chef under trenta: Andrea De Carli e Marco Cozza. Appassionati di botaniche. Ma non si pensi al gin. Qui la cucina è la vera protagonista. Verde. Senza essere vegetariana. Lacustre. Lasciandosi solo sfiorare dall’acqua

LEGGI DI PIU'

Olio Officina Festival: l’uomo e l’ulivo

Tre giorni. Dedicati all’olio e ai condimenti per il corpo e per la mente. Dall’1 al 3 febbraio, al Palazzo delle Stelline di Milano, torna Olio Officina Festival. Fra laboratori, seminari, assaggi e paesaggi da scoprire. 

Testi Cristina Viggè

Per fare l’olio? Ci vuole un albero, che abbia anima e radici profonde. E ci vogliono pure contadini e produttori che sappiano amare la terra e raccoglierne i frutti. Per trasformarli in eccellenze. Perché l’olio è sinonimo di vita. Quella dell’ulivo: da cui tutto nasce. E quella dell’uomo: che plasma con le mani (e con la passione) le olive. 


Torna a far focus sui condimenti per il corpo e per la mente Olio Officina Festival, la tre giorni - ormai giunta alla sua settima edizione - ideata e timonata dall’oleologo, scrittore, giornalista ed editore Luigi Caricato. Di scena al Palazzo delle Stelline di Milano dall’1 al 3 febbraio. La locandina? Traccia l’immagine di un albero antropomorfo. Quasi in un’identificazione dell’uomo nell’ulivo. E viceversa. 


Olio e aromatici complici di companatico non più intesi come commodity, bensì come ingredienti in grado di portare quel quid in più alla cucina. E pure alla cultura del savoir-vivre. Olio come materia fluida in movimento, capace di arricchire e valorizzare pietanze e circostanze. Olio come esperienza totale. 


Ecco allora un festival che dell’extravergine, delle olive da tavola e degli aceti indaga qualità, peculiarità e versatilità. Anche grazie a una serie di sessioni intitolate “Saggi Assaggi”: degustazioni guidate alla scoperta dei profili sensoriali… anche di oli di semi nobili e oli aromatizzati. Per una più ampia panoramica sul sapore. E poi? Ci sono le lezioni - di un’ora e mezza - sugli oli autoctoni, forti del loro legame territoriale. Per una full immersion nelle dop Riviera Ligure e Garda. Che, sotto la griffe del Frantoio Fratelli Turri di Cavaion Veronese, è fiera di mettersi in gioco in un vis à vis con la carne, targata dal maestro macellaio Bruno Bassetto. Perché anche la tenerezza necessita di “energia” fluida.



E ancora, la “Tavola rotonda… a tavola” con l’azienda Pietro Coricelli e i laboratori interattivi di “Blending Experience” targati dall’oleificio cremonese Zucchi. Per imparare a creare il proprio blend partendo da differenti cultivar.



Ricco il programma, che mette in carta pure incontri, dibattiti, salotti letterari e momenti di approfondimento. Non dimenticando certo il design, anello di congiunzione fra prodotto e consumatore. Anzi, con il concorso internazionale “Le forme dell’olio” si vanno proprio a premiare i packaging, le etichette e le immagini comunicative dell’olio. Mentre gli appassionati collezionisti possono godere di ben due annulli filatelici: uno dedicato all’albero secolare e uno agli olivicoltori. E se nell’oleoteca si può acquistare una selezione di oli presenti alla kermesse, alla Libreria Il Domani si possono trovare opere di saggistica e narrativa a tema. 



E l’arte? Come potrebbe mancare. Con Olio d’artista. Atto terzo le latte d’olio sono reinterpretate in chiave creativa sotto la regia di Francesco Sannicandro. Intanto, nel chiostro campeggia il Bosco di Ulivi. Ritratti da Doriano Strologo nelle loro varie forme di allevamento: vaso policonico, vaso cespugliato, globo, monocono e ipsilon. E si scorgono pure gli alberelli-sculture per appetizer di Alba Rosa Mancini. Mentre copricapi svolazzanti, ispirati al tema “Io sono un albero” e indossati dagli artisti di Arte da mangiare mangiare Arte, allietano l’evento. Che si arricchisce della performance Dipingere ad l’olio e della pièce teatrale by Antonio Pascale Quattro lezioni sentimentali, quattro donne, quattro diversi modi di amare



Giovedì 1 febbraio l’ingresso è libero, dalle 16 alle 20.30. Venerdì e sabato l’entrata ha un costo di 15 euro al giorno, e va dalle 9.30 alle 20.30. 

 

FUORI IL PROSSIMO
Iscriviti alla Newsletter e ricevi per primo le novità.

FUORI IL ROSPO !

Commenta questo articolo e pubblica su Facebook

Print Friendly and PDF

FUORIDIME

Anteprima live di FUORIMAGAZINE curata da Cristina Viggè
FUORI è iscritto nel Registro della Stampa di Milano con il n. 160 dell’ 11 maggio 2017.

FUORIMAGAZINE® è un marchio registrato di proprietà di Petra srl.
I testi sono di Cristina Viggè quando non diversamente specificato.
Le immagini ed i video sono degli autori di volta in volta citati quando non liberamente disponibili in internet per la pubblicazione e/o divulgazione.

Privacy Policy