DIME

DIME

DIME

IL "QUOTIDIANO" DI CRISTINA VIGGÈ

IL "QUOTIDIANO" DI CRISTINA VIGGÈ

IL "QUOTIDIANO" DI CRISTINA VIGGÈ

Un serata a tutta serendipity

Un serata a tutta serendipity

Lunedì 14 maggio, quarto appuntamento di #oltrelapizza, il format firmato da Massimo Giovannini. E all’Apogeo di Pietrasanta arriva Masaki Kuroda, lo chef patron del Serendepico di Gragnano, in terra di Lucca. Per un’inattesa fusione fra pizza, cucina, Toscana e Giappone. 

Lunedì 14 maggio, quarto appuntamento di #oltrelapizza, il format firmato da Massimo Giovannini. E all’Apogeo di Pietrasanta arriva Masaki Kuroda, lo chef patron del Serendepico di Gragnano, in terra di Lucca. Per un’inattesa fusione fra pizza, cucina, Toscana e Giappone. 

Lunedì 14 maggio, quarto appuntamento di #oltrelapizza, il format firmato da Massimo Giovannini. E all’Apogeo di Pietrasanta arriva Masaki Kuroda, lo chef patron del Serendepico di Gragnano, in terra di Lucca. Per un’inattesa fusione fra pizza, cucina, Toscana e Giappone. 


 
FUORI L'ULTIMA
FUORI L'ULTIMA

Mario Bacilieri: il druido del dolce

Marchirolo. In provincia di Varese. Poco oltre la Valcuvia. Poco prima del confine svizzero. In bilico fra il verde wild e l’azzurro del Lago di Lugano, ecco un saggio custode dell’arte pasticcera. Valorizzata in un moderno Stonehenge, pronto a celebrare il rituale dell’altissima qualità

LEGGI DI PIU'

Un serata a tutta serendipity

Lunedì 14 maggio, quarto appuntamento di #oltrelapizza, il format firmato da Massimo Giovannini. E all’Apogeo di Pietrasanta arriva Masaki Kuroda, lo chef patron del Serendepico di Gragnano, in terra di Lucca. Per un’inattesa fusione fra pizza, cucina, Toscana e Giappone. 

Testi Cristina Viggè

Quando il gioco si fa duro, i duri cominciano a giocare”. Ma anche a cucinare, creare e impastare. Lo sanno bene Massimo Giovannini, padrone di casa dell’Apogeo di Pietrasanta, e Masaki Kuroda, chef e patron del Serendepico di Gragnano, frazione della lucchese Capannori. Insomma, un toscano in patria e un giapponese adottato dalla Toscana. Sì, perché Masaki è nato a Kunamoto nel 1982, ma presto è stato folgorato sulla via del Bel Paese. Tanto da decidere di andarci a vivere. Prima, per frequentare l’International Academy of Italian Cuisine in Lucca by Gianluca Pardini. Poi, per lavorare nelle cucine di Mauro Uliassi, di Lorenzo Cogo e della Locanda del Pilone ad Alba. Infine, per approdare nella terra di Lucca. In quel Serendepico che guida con fierezza, proponendo pietanze sorprendenti e inaspettate, pronte a mixare serenamente raffinatezza nipponica e autenticità toscana.



Una cucina glocal che, lunedì 14 maggio, si prepara a incontrare e a incrociare la filosofia di Giovannini, che per altro è uno dei Petra Selected Partners di Molino Quaglia. Per dar vita al quarto e ultimo (forse) appuntamento di #oltrelapizza. Un format inedito, che si discosta dalle più usuali cene a quattro mani per divenire una vera e propria fusione di tecniche, idee, sapori e saperi. Senza più confini fra pizza e cucina. Perché a lievitare, maturare e fermentare è solo ed esclusivamente il pensiero creativo. Com’è accaduto del resto lo scorso aprile, quando all’Apogeo è giunto, direttamente della Locanda di Mezzo di Barga, lo chef Francesco Piacentini. E il burrito garfagnino conferma una missione votata alla massima sperimentazione.



Ma ora il miracolo sta per accadere di nuovo. Grazie a un intrigante menu, orgoglioso di duettare con i vini biologici dell’azienda agricola Il Calamaio, sulla collina di San Macario, sempre a Lucca. A condurla? Samuele Bianchi, facente parte della Federazione Italiana Vignaioli Indipendenti. Ecco allora la cozza sur lie e il mochi di mare dialogare con il “Soffio” 2017, figlio di terreni argillosi e sabbiosi e figlio pure di chardonnay e petit manseng. Un bianco fuoriclasse, sapido e minerale, dalle note fruttate e floreali. Un tipo elegante. Ma deciso. Perfetto anche per accompagnare la seconda portata. Che pone un dubbio: frittura o tempura? Chi proverà capirà.



A seguire: pizza, wakame, palamita e spuma di kombu. Ideale in abbinata al “Mi’ele” annata 2017. Un rosato da uve sangiovese vendemmiate una quindicina di giorni prima delle uve destinate al rosso. Per un nettare aromatico, dal carattere delicato e complesso al contempo. Mentre con il raviolo di lievito madre & anguilla arriva il “Poiana” 2015: un sangiovese in purezza dai tannini morbidi, dal tono rubino e dalle note di ciliegia, viola e ribes. E per finire? Ripieni a sorpresa. Per meglio onorare lo spirito serendipity della serata. 



La cena dal respiro nippo-toscano del 14 maggio all’Apogeo ha inizio alle 20.30 e prevede un costo di partecipazione di 35 euro a persona. Vini inclusi.


 

FUORI IL PROSSIMO
Iscriviti alla Newsletter e ricevi per primo le novità.

FUORI IL ROSPO !

Commenta questo articolo e pubblica su Facebook

Print Friendly and PDF

FUORIDIME

Anteprima live di FUORIMAGAZINE curata da Cristina Viggè
FUORI è iscritto nel Registro della Stampa di Milano con il n. 160 dell’ 11 maggio 2017.

FUORIMAGAZINE® è un marchio registrato di proprietà di Petra srl.
I testi sono di Cristina Viggè quando non diversamente specificato.
Le immagini ed i video sono degli autori di volta in volta citati quando non liberamente disponibili in internet per la pubblicazione e/o divulgazione.

Privacy Policy