DIME

DIME

DIME

IL "QUOTIDIANO" DI CRISTINA VIGGÈ

IL "QUOTIDIANO" DI CRISTINA VIGGÈ

IL "QUOTIDIANO" DI CRISTINA VIGGÈ

Serate di Spessore

Serate di Spessore

Dal 20 al 23 giugno torna, per la sua quinta edizione, Spessore. Jam session culinaria che chiama all’appello un nutrito drappello di chef affermati ed emergenti. Dove? A Torriana di Rimini, alla locanda del Povero Diavolo di Fausto e Stefania Fratti.

Dal 20 al 23 giugno torna, per la sua quinta edizione, Spessore. Jam session culinaria che chiama all’appello un nutrito drappello di chef affermati ed emergenti. Dove? A Torriana di Rimini, alla locanda del Povero Diavolo di Fausto e Stefania Fratti.

Dal 20 al 23 giugno torna, per la sua quinta edizione, Spessore. Jam session culinaria che chiama all’appello un nutrito drappello di chef affermati ed emergenti. Dove? A Torriana di Rimini, alla locanda del Povero Diavolo di Fausto e Stefania Fratti.

  • Il giardino del Povero Diavolo
  • Alessandro Rapisarda del Café Opera di Recanati
  • Luigi Taglienti del Lume di Milano
  • Christian Milone della Trattoria Zappatori di Pinerolo
  • Tiziano Rossetti dell'Osteria l'Angolo Divino di Urbino

 
FUORI L'ULTIMA
FUORI L'ULTIMA

BoB: bao, bourbon e brunch

Nella milanese zona Isola, un locale che si fa notare. Per l’ambiente seducente, per l'intrigante drink list e per l’originale proposta food, in equilibrio fra accento americano, rigore asiatico e verve mediterranea

LEGGI DI PIU'

Serate di Spessore

Dal 20 al 23 giugno torna, per la sua quinta edizione, Spessore. Jam session culinaria che chiama all’appello un nutrito drappello di chef affermati ed emergenti. Dove? A Torriana di Rimini, alla locanda del Povero Diavolo di Fausto e Stefania Fratti.

Testi Cristina Viggè

  • Maria Grazia Soncini e il marito Pierluigi de La Capanna di Eraclio, a Codigoro
  • Alessandro Rapisarda del Café Opera di Recanati
  • Luigi Taglienti del Lume di Milano
  • Riccardo Agostini del Piastrino di Pennabilli
  • Il giardino del Povero Diavolo
  • Alberto Bettini dell'Amerigo 1934 di Savigno
  • Luca Abbruzzino dell'omonimo ristorante di Catanzaro
  • Davide Di Fabio, sous-chef all'Osteria Francescana di Modena
  • Tiziano Rossetti dell'Osteria l'Angolo Divino di Urbino
  • Silvio Salmoiraghi dell'Acquerello di Fagnano Olona
  • Francesco Brutto all'opera all'Undicesimo Vineria di Treviso e a Venissa, sull'isola di Mazzorbo
  • Christian Milone della Trattoria Zappatori di Pinerolo

Nelle sere del solstizio d’estate il diavolo ci mette lo zampino. Pardon, il Povero Diavolo alza i coperchi, riempie le pentole e apre le porte della sua casa, a Torriana (nell’entroterra di Rimini), per dar vita e voce a una quattro giorni di autentico stupore. Una kermesse di carattere, caparbia e tenace come il suo ideatore: il patron Fausto Fratti, affiancato dalla moglie Stefania Arlotti.


E così, dal 20 al 23 giugno torna, per la sua quinta edizione, Spessore. In un’ideale e gustosa consecutio temporum col riminese Al Mèni, il “circo Massimo” che in piazzale Fellini, grazie alla regia di Bottura, mette sotto e intorno a un tendone le cose fatte bene con le mani e col cuore... proprio qualche giorno prima dell’evento di Torriana. Che ne coglie in qualche modo il testimone, proseguendo nella valorizzazione delle eccellenze emiliano-romagnole, e non solo. Complice la partecipazione di alcuni cuochi di CheftoChef emiliaromagnacuochi, l'associazione che mette in connessione le migliori espressioni dell'enogastronomia regionale. In un vero melting pot di spunti, suggestioni, passioni ed emozioni.


Si inizia martedì 20 giugno con la cena “C’è Spessore in trattoria”. In cucina? Maria Grazia Soncino de La Capanna di Eraclio di Codigoro (nel Ferrarese); Alberto Bettini dell’Amerigo 1934 di Savigno (nel Bolognese); e Remo Camurani di Ca’ Murani di Faenza (nel Ravennate). Pronti a creare nove piatti capaci di onorare il mare e il vegetale, la caccia e le razze autoctone. Mentre nei calici finiscono le etichette modenesi de La Cantina della Volta. A partire dalle due visioni (e versioni) delle uve lambrusco di Sorbara, vendemmia 2012: in rosa, grazie al Lambrusco Rosé di Modena Spumante Metodo Classico; in bianco, merito del Christian Bellei, altro metodo classico dalle note floreali e fruttate. Per continuare con Il Mattaglio Blanc de Blancs (da uve chardonnay) e con Fermo Pinot Nero (annata 2015) dalla gentil trama tannica e dalle nuance di more e ribes nero.


E dopo il prologo? Via con le jam session: serate a mano libera dove a dettar legge sono solo la spesa del dì le materie prime custodite in dispensa. Messe a disposizione dai sostenitori di Spessore: dalle farine Petra di Molino Quaglia di Vighizzolo d’Este alla mozzarella di bufala campana del caseificio Barlotti di Paestum; dal parmigiano reggiano del consorzio alla mortadella di Federico Orsi di Valsamoggia; dalla pasta di Gragnano del Pastificio dei Campi ai formaggi griffati Cau & Spada di Sassocorvaro; dalle carni della Macelleria Zivieri di Monzuno ai pesci firmati Il Blu d’Igea (Marina). Non dimenticando le birre Baladin di Piozzo, il caffè di Leonardo Lelli di Bologna e l’aceto balsamico tradizionale di Modena di Gambigliani Zoccoli, in quel di Castelfranco Emilia. Per una buona e bella panoramica sul made in Italy.


A rielaborare, rileggere, inventare, mescolare e mixare materia e immaginario? Ben nove chef, fieri di creare e di improvvisare, capitanati da Riccardo Agostini del Piastrino di Pennabilli. Pronto a trasferirsi con la sua brigata di sala e cucina al Povero Diavolo. Che si arricchisce di immensi saperi e sapori, grazie alla presenza di Luigi Taglienti (del Lume meneghino), di Luca Abbruzzino (dell’omonimo ristorante di Catanzaro) e di Christian Milone (della Trattoria Zappatori di Pinerolo), il 21 giugno. E ancora, di Silvio Salmoiraghi (dell’Acquerello di Fagnano Olona); di Giuseppe Iannotti (del Krèsios di Telese) e di Tiziano Rossetti (dell'Osteria l'Angolo Divino di Urbino), il 22 giugno. E di Davide Di Fabio (sous-chef dell’Osteria Francescana di Modena), Francesco Brutto (dell’Undicesimo Vineria di Treviso e del Venissa di Mazzorbo) e Alessandro Rapisarda (del Café Opera di Recanati) il 23 giugno. Per una vera maratona di piatti e pensieri. Da gustare seduti o in piedi, sotto un albero o sotto il cielo.


Mentre in giardino vibra la musica: jazz (soft e soul) e popolare etnica, per la conclusiva soirée. Intanto, i banchi di mescita elargiscono nettari. Siglati da cantine provenienti da vicino e da lontano. Come Villabella di Bardolino, Paraschos di San Floriano del Collio, De Fermo di Loreto Aprutino e Santa Barbara della terra anconetana. E ancora, Fondo San Giuseppe e Vigne di San Lorenzo di Brisighella; Valturio di Macerata Feltria; Podere Vecciano di Coriano; Dei Donà Tenuta La Palazza di Massa di Vecchiazzano; la Fattoria Zerbina e Leone Conti di Faenza; e Orsi Vigneto San Vito di Balsamoggia. Per un caleidoscopico mosaico di genius loci. Ma il campanilismo si faccia da parte. Qui, la condivisione è il vero valore di spessore.


Le serate hanno inizio alle 20.30. L'ingresso è su prenotazione (e a pagamento).

  • Il giardino del Povero Diavolo

    Il giardino del Povero Diavolo

  • Alessandro Rapisarda del Café Opera di Recanati

    Alessandro Rapisarda del Café Opera di Recanati

  • Luigi Taglienti del Lume di Milano

    Luigi Taglienti del Lume di Milano

  • Christian Milone della Trattoria Zappatori di Pinerolo

    Christian Milone della Trattoria Zappatori di Pinerolo

  • Tiziano Rossetti dell'Osteria l'Angolo Divino di Urbino

    Tiziano Rossetti dell'Osteria l'Angolo Divino di Urbino

  • Francesco Brutto all'opera all'Undicesimo Vineria di Treviso e a Venissa, sull'isola di Mazzorbo

    Francesco Brutto all'opera all'Undicesimo Vineria di Treviso e a Venissa, sull'isola di Mazzorbo

  • Luca Abbruzzino dell'omonimo ristorante di Catanzaro

    Luca Abbruzzino dell'omonimo ristorante di Catanzaro

  • Silvio Salmoiraghi dell'Acquerello di Fagnano Olona

    Silvio Salmoiraghi dell'Acquerello di Fagnano Olona

  • Alberto Bettini dell'Amerigo 1934 di Savigno

    Alberto Bettini dell'Amerigo 1934 di Savigno

  • Riccardo Agostini del Piastrino di Pennabilli

    Riccardo Agostini del Piastrino di Pennabilli

  • Maria Grazia Soncini e il marito Pierluigi de La Capanna di Eraclio, a Codigoro

    Maria Grazia Soncini e il marito Pierluigi de La Capanna di Eraclio, a Codigoro

  • Davide Di Fabio, sous-chef all'Osteria Francescana di Modena

    Davide Di Fabio, sous-chef all'Osteria Francescana di Modena

 

FUORI IL PROSSIMO
Iscriviti alla Newsletter e ricevi per primo le novità.

FUORI IL ROSPO !

Commenta questo articolo e pubblica su Facebook

Print Friendly and PDF

FUORIDIME

Anteprima live di FUORIMAGAZINE curata da Cristina Viggè
FUORI è iscritto nel Registro della Stampa di Milano con il n. 160 dell’ 11 maggio 2017.

FUORIMAGAZINE® è un marchio registrato di proprietà di Petra srl.
I testi sono di Cristina Viggè quando non diversamente specificato.
Le immagini ed i video sono degli autori di volta in volta citati quando non liberamente disponibili in internet per la pubblicazione e/o divulgazione.

Privacy Policy